preventivo

Misura accuratamente gli spazi a tua disposizione e compila il form. Verrai al più presto contattato da un nostro esperto che provvederà a fissare un appuntamento per un sopralluogo.

Compila il Modulo

Il tuo nome (richiesto)
La tua email (richiesto)
Prodotti
Finestre e Porte FinestrePorte di Ingresso e BlindatePorte InternePersiane e ScuriChiusure OscurantiAltri Prodotti

Misure dell' Infisso

Larghezza
Altezza
Luogo di Installazione (richiesto)
Note
Letta l'nformativa sulla Privacy ai sensi del Dlg 196/03, do il consenso al trattamento dei dati personali per le finalità e con le modalità specificatamente indicate nell'informativa stessa.

Volume Serramenti

Indirizzo: Via Follone, 1 – 12084 MONDOVI (CN)
Tel: 0174-551404
Fax: 0174-551404
Email: info@volumeserramenti.it

Social Media

[addtoany]

Informativa sulla Privacy

Ai sensi dell’art. 7 della Legge n. 197/2006, Falegnameria F.lli Volume di Volume Claudio & C. snc (la “Società”) La informa, nella Sua qualità di Interessato, che i Suoi dati personali (i “Dati”) verranno trattati come segue:

1. FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

La raccolta ed il trattamento dei Dati sono effettuati dalla Società o da altre società del gruppo per finalità di: garanzia e assistenza tecnica pre e post vendita; marketing e pubblicità; invio di materiale informativo e promozionale; analisi statistica per finalità di marketing; rilevazione del grado di soddisfazione; inviti ad eventi informativi o promozionali;

2. MODALITA’ DEL TRATTAMENTO – INCARICATI

Il trattamento dei Dati per le suddette finalità avrà luogo con modalità sia automatizzate che non automatizzate e nel rispetto delle regole di riservatezza e di sicurezza previste dalla legge. I Dati potranno essere trattati, per conto della Società, da dipendenti, professionisti o società, incaricati di svolgere specifici servizi elaborativi o attività complementari a quelle della Società, ovvero necessarie all’esecuzione delle operazioni e dei servizi della Società.

3. CONFERIMENTO DEI DATI

Il conferimento dei Dati è assolutamente facoltativo. L’eventuale rifiuto di conferire i Dati o di rispondere ad interviste telefoniche non comporta alcuna conseguenza, salvo l’impossibilità di fruire dei servizi offerti dalla Società.

4. COMUNICAZIONE DEI DATI

In considerazione dell’esistenza di collegamenti telematici, informatici o di corrispondenza, i Dati possono essere resi disponibili all’estero, anche al di fuori dei Paesi appartenenti all’Unione Europea e possono essere comunicati a: dipendenti della Società non specificamente incaricati; società o altri soggetti che svolgono attività in outsourcing per conto della Società; altre società, anche straniere, appartenenti al gruppo.

5. DIRITTI DELL’INTERESSATO

L’art. 7 della Legge n. 197/2006 Le riconosce i seguenti diritti: ·di accedere ai registri del Garante; ·di ottenere informazioni circa i Dati che La riguardano; ·di ottenerne la cancellazione od il blocco, ovvero l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione, nonché l’attestazione che tali operazioni sono state portate a conoscenza di coloro ai quali i Dati sono stati comunicati; ·di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei Dati; ·di opporsi ai trattamenti per finalità commerciali, pubblicitarie o di ricerca di mercato. Per esercitare i suddetti diritti potrà scrivere a: Falegnameria F.lli Volume di Volume Claudio & C. snc – C.F./P.IVA 02350690042

6. TITOLARE E RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO

Titolare del trattamento dei Dati è Falegnameria F.lli Volume di Volume Claudio & C. snc – C.F./P.IVA 02350690042 Responsabile del trattamento dei Dati è Claudio Volume.

Di seguito i punti da seguire per la corretta analisi.

1. Non commettere l’errore più comune di non leggere il preventivo e basarsi esclusivamente sul totale, poiché ciò che influisce sul prezzo e sulla qualità sono proprio i punti che avete tralasciato.

2. VETRI. Bisogna sapere che in linea con la Normativa UNI 7697 del 22 Maggio 2014 è obbligatorio montare vetrate stratificate o temperate sia sul lato interno che su quello esterno al serramento. Per semplificare, alla voce “Vetri” sono corrette le diciture 2+2, 3+3, 4+4, 5+5 su entrambi i lati oppure le diciture con il termine “Temp.” (che significa temperato); altre diciture non sono a norma di legge ed implicano un rischio grave per colore che manovrano abitualmente tale serramento. Perciò confrontate i preventivi e verificate il rispetto della normativa, tenendo presente che più è alto il numero della dicitura, più è sicuro e di conseguenza costoso il vetro (es. il 5+5 è più sicuro e costoso del 2+2). Inoltre è consigliabile verificare la presenza della canalina “warm edge” (canalina a bordo caldo), del gas all’interno, della selettività acustica e solare, caratteristiche che rendono la vetrata più prestante e quindi più costosa. Infine controllare se il vetro è “basso emissivo” e confrontare i valori Ug e Uw tra i differenti preventivi (più sono bassi questi valori, migliori sono le prestazioni del serramento).

3. LEGNO. Nel legno dev’essere innanzitutto sottolineata la differenza tra lamellare “Finger Joint” e lamellare “Lista Intera”. Il primo è una qualità minore poiché giuntato e comporta problemi quali le giunture a vista e, a lungo termine, la curvatura; il secondo invece è qualitativamente migliore e quindi più costoso. Inoltre dev’essere chiara la differenza di spessore (69mm, 78mm o 92mm nel caso della Volume Serramenti e 58mm per alcune aziende che ancora lo realizzano); uno spessore minore implica un serramento più sottile, meno prestante e quindi meno costoso. Ancora, vi è una differenza tra legno “massiccio” e legno “massiccio lamellare”, in quanto il primo è un blocco unico di legno che ha più probabilità di curvarsi nel tempo (possibilità dipendente anche dalla scelta del legno), mentre il secondo è composto da lamelle di legno massiccio ed è più stabile (dunque più costoso). Infine, vi è da valutare la differenza tra i vari tipi di legno ( Pino, Rovere, Sapeli, etc.).

4. FINITURA. Per quanto riguarda la verniciatura, la differenza maggiore è tra le tinte RAL e le tinte naturali; solitamente le tinte RAL sono più costose. Vi è poi la differenza riguardante i cicli di lavorazione, ovvero il numero di mani apportate al serramento (una, due, tre o quattro); più sono numerose le mani, migliori sono la tenuta e la qualità e dunque più alto è il costo. Inoltre è da tenere in conto la garanzia: più lunga è la sua durata migliore è la qualità del prodotto, che quindi è più costoso. Ancora, tra le diverse marche di vernice vi sono differenze di qualità da non sottovalutare, poiché portano ad una tenuta maggiore o minore sul serramento (naturalmente qualità migliori prevedono una spesa maggiore). Infine, la verniciatura in azienda e non affidata a terzi rende i controlli sul risultato più affidabili e la realizzazione tramite il sistema “flow coating” (il prodotto viene introdotto in un macchinario apposito che produce getti di vernice su tutto il serramento) rispetto alla verniciatura a spruzzo comporta un incremento della garanzia riguardante la putrefazione (= il legno marcisce) e la duratura della vernice nel tempo.

5. GUARNIZIONI. Le guarnizioni possono essere doppie o triple; la differenza sta nel fatto che con una tripla guarnizione la tenuta acustica e all’aria è maggiore e quindi il costo è più elevato, mentre con una guarnizione doppia si abbattono i costi ma anche la tenuta.

6. POSA. Un elemento che pochi considerano è la posa; questa può essere certificata o non certificata. La posa certificata garantisce che i prodotti vengano mantenuti intatti, che la tenuta del serramento sia massima, che le caratteristiche riguardanti la trasmittanza termica del serramento vengano mantenute (è inutile avere un serramento altamente prestante se poi passano gli spifferi ai lati) e, soprattutto, che non vengano ammaccate o rovinate le componenti dei prodotti. Ovviamente una posa certificata implica un costo maggiore, ma permette al cliente di avere il massimo ottenibile; dunque si consiglia sempre di chiedere un attestato.

7. PANNELLI. I pannelli possono essere bugnati o non, a singola o doppia faccia e coibentanti o non. Per quanto riguarda la bugnatura, essa è una richiesta del cliente e la sua presenza aumenta il costo del serramento. La singola o doppia faccia, anch’essa a discrezione del cliente, comporta un’altra variazione del costo (la doppia faccia è più costosa). Infine la coibentazione, sempre secondo la volontà del cliente, comporta un isolamento maggiore ed una conseguente prestazione superiore del serramento e dunque implica costi più elevati.

8. MANIGLIERIA. Per quanto riguarda la maniglieria, la differenza principale sta nel fatto che può essere inclusa o esclusa e in alluminio o in ottone. Naturalmente la maniglieria esclusa implica una spesa aggiuntiva al cliente, così come la scelta dell’ottone.

9. FERRAMENTA. Alla voce ferramenta, verificare se i componenti siano in acciaio o in zama. L’acciaio è un materiale qualitativamente migliore e dunque comporta un costo maggiore. Inoltre esistono aziende, quali la Volume Serramenti, che adottano cerniere registrabili sui tre assi così che eventuali registrazioni future non comportino la necessità di smontare il coprifilo.

10. ANTA RIBALTA. L’anta ribalta serve per una diversa ventilazione degli spazi interni alla casa, in quanto permette di arieggiare i locali mantenendo l’infisso parzialmente chiuso. La sua presenza comporta un costo maggiore, dunque verificarla sempre.

11. MODELLO. Pochi pensano alla variabile dei modelli. Un serramento “Tutto vetro” ed un serramento con traverso comportano spese differenti, poiché il traverso è di per sé una spesa aggiuntiva, inoltre modifica la tipologia di vetro, che da singolo e unico diventa doppio e quindi più costoso; per rendere più chiaro il concetto, più traversi si richiedono maggiore sarà il costo del vetro e del prodotto.

12. TIPOLOGIA. Infine la tipologia, scontata ma degna di essere sottolineata. Un serramento in legno ed un serramento in legno/alluminio o legno/bronzo hanno costi totalmente differenti. Ricordarsi che il serramento in legno/bronzo è il più costoso tra le tre tipologie. Inoltre tenere ben presente che per quanto riguarda il legno/alluminio, i costi variano in base alle scelte del cliente ed al metodo di lavoro; per quanto riguarda le scelte, la sostanziale differenza sta nel profilo assemblato o saldato. Il profilo assemblato (prevede un taglio a 45° negli angoli della copertura) è qualitativamente inferiore rispetto al prodotto saldato, quindi implica un costo minore; per quanto riguarda il metodo di lavoro, ricordarsi che alcune aziende applicano la copertina in alluminio direttamente sul legno, peggiorandone così le prestazioni ma abbassandone i costi, mentre altre aziende applicano delle clips che permettono l’auto-ventilazione del serramento e quindi prestazioni termiche migliori, con un naturale aumento dei costi. Quindi il legno/alluminio sarà più costoso del legno, ma decisamente più prestante.

Detto ciò speriamo di essere stati d’aiuto e di aver chiarito le idee.

Ricordiamo che per qualsiasi delucidazione il personale della Volume Serramenti è a completa disposizione.